Valore Sociale: nasce un nuovo standard per la CSR

Il 9 luglio 2007 è nato un nuovo standard per valutare il grado di responsabilità sociale delle imprese. Lo standard è nato dall’impegno di numerosi soggetti: Mani Tese, Action Aid, Arci, Amnesty International Italia, Fondazione Banca Etica, Ucodep, Movimento Difesa del Cittadino, Movimento Consumatori, fondazioni che hanno operato in concerto per sviluppare uno standard strutturato 

continua a leggere……

Milano, 27 e 28 settembre: al via il Salone “dal dire al fare”

Comunicare ad agire responsabilmente per la sostenibilità territoriale: questo il tema principale del Salone della responsabilità sociale “ dal dire al fare”. Una caratteristica peculiare dell’evento risulta essere la predisposizione di 12 laboratori che i visitatori potranno scegliere e che si focalizzano sulle diverse tematiche della RSI: performance ambientali delle imprese, organizzazione efficiente delle risorse umane, 

continua a leggere……

Responsabilità Sociale d’Impresa e l’impegno delle Istituzioni: il progetto CSR-SC

Il Progetto CSR-SC (Corporate Social Responsabilità- Social Commitment) promosso dal Ministero Italiano del Lavoro e delle Politiche Sociali sul tema della Corporate Social Responsibility vuole essere un contributo al dibattito europeo per la definizione di un “framework europeo per la CSR”, come auspicato dalla Commissione Europea. La proposta italiana si basa su un approccio volontario 

continua a leggere……

Responsabilità Sociale d’Impresa: un orientamento strategico per l’azienda

Il concetto di Responsabilità Sociale d’Impresa non possiede ancora una sola “veste”, un’univoca definizione “ufficiale”. Si parla, con significato affine, di “etica di impresa”, di “cittadinanza aziendale” (corporate citizenship), di “sviluppo sostenibile”, di “sviluppo durevole”. Tutti questi concetti sembrano, comunque, ruotare attorno ad una cardine comune, che risponde ai criteri del cosiddetto “triplice approccio” (Triple 

continua a leggere……

Sostenibilità degli impianti sportivi: al via il Protocollo Ministero dell’Ambiente-Coni

In linea con le direttiva comunitarie (direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico nell’edilizia e direttiva 2006/32/CE sull’efficienza degli usi finali dell’energia) che richiedono agli Stati membri di prevedere che gli edifici pubblici siano un esempio da seguire in termini di impatto ambientale, il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, 

continua a leggere……