In linea con le direttiva comunitarie (direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico nell’edilizia e direttiva 2006/32/CE sull’efficienza degli usi finali dell’energia) che richiedono agli Stati membri di prevedere che gli edifici pubblici siano un esempio da seguire in termini di impatto ambientale, il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, ha siglato un Protocollo d’intesa con il presidente del Coni, Petrucci, per la diffusione delle fonti rinnovabili, dell’efficienza energetica e della sostenibilità ambientale negli impianti sportivi.

Lo scopo del Protocollo consiste nell’allinearsi alle direttive sopra citate e di raggiungere i seguenti obiettivi:

  • alto risparmio energetico e ambientale degli impianti pubblici sportivi che fino ad oggi sono stati caratterizzati da rilevanti consumi sia di energia elettrica che di energia termica, per la produzione di acqua calda sanitaria per le docce e per il riscaldamento delle piscine;
  • elevata visibilità e valore sociale degli impianti sportivi, riferendosi particolarmente allo Stadio Olimpico, ai centri di preparazione olimpica e al complesso del Foro Italico. Essi infatti rappresentano un patrimonio potenziale sia in termini di alta visibilità e valore sociale sia una ampia cassa di risonanza per diffondere in tutti gli impianti pubblici e privati sportivi le buone pratiche circa la creazione di fonti rinnovabili per il risparmio energetico e la sostenibilità ambientale.

A tal fine il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha stanziato 1 milione di euro per l’anno 2007, contribuendo al 50%, secondo le disposizioni del Protocollo. L’altro 50% sarà messo a disposizione dal Coni.

Le linee strategiche per raggiungere gli obiettivi prevedono l’avvio di analisi energetiche delle strutture sportive, la realizzazione di interventi di solarizzazione su alcune strutture (es: complesso dell’Acqua Acetosa, complesso del parco del Foro Italico, con particolare riguardo alla realizzazione del nuovo Stadio Centrale del Tennis per gli Internazionali del 2009); corsi di formazione sulle rinnovabili per gli operatori degli impianti sportivi; definizione di regole e specifiche tecniche per la realizzazione di impianti solari negli impianti sportivi.

E’ inoltre interessante notare come il Protocollo di intesa con il Coni faccia parte di un programma più ampio per favorire l’utilizzo delle energie rinnovabili che il Ministero ha messo in campo per il 2007 e che prevede anche una seire di bandi ed accordi, tra i quali:

  • Bando nazionale per le piccole e medie imprese
  • Bando nazionale solare per enti pubblici
  • Bando nazionale il sole a scuola
  • Bando nazionale il fotovoltaico nell’architettura
  • Bando nazionale per progetti di ricerca
  • Bando audit energetico sugli edifici pubblici
  • Bando energie rinnovabili nei parchi
  • Accordo di programma “La casa ecologica” con enti vari per interventi di promozione dell’architettura sostenibile e dell’efficienza energetica
  • Accordo di Programma con la regione Abruzzo per progetti sulle biomasse.

Lascia un commento